Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Collaborazione tra le Agenzie ONU del Polo Romano

 

Collaborazione tra le Agenzie ONU del Polo Romano

Il rapporto pubblicato congiuntamente da FAO, IFAD, PAM, Unesco e OMS dal titolo “The State of Food Security and Nutrition in the World – 2017” ha messo in evidenza che il numero delle persone che soffrono la fame nel mondo è in aumento (815 milioni di persone – l’11% della popolazione mondiale) mentre sono diffuse trasversalmente molteplici forme di malnutrizione.
A partire dal 2016, le Agenzie del Polo Romano delle Nazioni Unite (FAO, IFAD e PAM) hanno cementato la loro collaborazione per raggiungere l’eliminazione della fame e di tutte le forme di malnutrizione entro il 2030. Infatti, esse fanno propri gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile adottati dalle Nazioni Unite nel 2015: in particolare, la FAO fa riferimento all’Obiettivo 2, “Fame Zero”, all’Obiettivo 14, “Vita Sott’Acqua”, all’Obiettivo 15, “Vita Sulla Terra”, e all’Obiettivo 1, “Povertà Zero”; il PAM fa riferimento all’Obiettivo 2, “Fame Zero”, all’Obiettivo 17, “Collaborazione per raggiungere gli obiettivi”, all’Obiettivo 5, “Uguaglianza di Genere” e all’Obiettivo 13, “Lotta al Cambiamento Climatico”; infine, l’IFAD si dedica al raggiungimento dell’Obiettivo 2, “Fame Zero”, dell’Obiettivo 1, “Povertà Zero” e dell’Obiettivo 5 “Uguaglianza di Genere”.
La collaborazione tra le tre Agenzie deve avvenire a livello internazionale, nazionale e regionale/locale, ed è basata sul principio di complementarietà: ogni agenzia ha un mandato specifico e conseguenti punti di forza, che devono essere integrati in un sistema coerente ed unitario che elimini le duplicazioni ed incrementi l’efficienza dell’azione internazionale.
A dimostrazione dell’impegno profuso nel rafforzamento della partnership, nel Settembre 2017 i vertici delle tre agenzie (il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, il Direttore Esecutivo del PAM, David Beasley, e il Presidente dell’IFAD, Gilbert F. Houngbo) hanno effettuato per la prima volta uno storico viaggio congiunto in Etiopia.

La collaborazione tra le tre agenzie del polo Agroalimentare Romano è basata su quattro pilastri:
1) collaborazione a livello regionale e in singolo Paese;
2) collaborazione globale;
3) collaborazione in aree tematiche;
4) fornitura in comune di servizi aziendali.

Oltre a progetti di collaborazione a livello di singoli Paesi e regionale, la collaborazione si concentra, a livello globale, sulle seguenti iniziative:
- Agricultural Market Information System (AMIS), una piattaforma inter-agenzia per migliorare la trasparenza del mercato alimentare (contrastare la volatilità dei prezzi di generi alimentari) e la coordinazione delle politiche in tempi di crisi;
- Comitato per la Sicurezza Alimentare Mondiale (CFS);
- Commissione sullo Status delle Donne (CSW);
- Global Food Security Cluster, meccanismo che supporta i settori della sicurezza alimentare nel rispondere alle crisi attraverso la fornitura di personale, informazioni e appoggio mediatico;
- G7, per la preparazione dell’incontro tra i Ministri dell’Agricoltura del G7 a Bergamo, su richiesta dell’Italia;
- G20, per attirare l’attenzione dei membri del G20 sulla carestia in Sud Sudan ed il rischio di carestia in Somalia, Yemen e Nigeria nord-est;
- Giornata Mondiale delle Donne (IWD);
- Decade d’Azione ONU per la Nutrizione;
- Giornata Mondiale del Cibo;
- Forum Globale sulla Ricerca Agricola (GFAR).

Per quanto riguarda la collaborazione in aree tematiche, i campi di intervento congiunto sono i seguenti:
- Cambiamento climatico;
- Azione di allerta immediata per l’attuazione di responsi tempestivi che prevengano un disastro;
- Inclusione finanziaria per favorire la sostenibilità economica dei piccoli agricoltori;
- Sprechi alimentari;
- Politiche di genere;
- Sistemi di innovazione agricola;
- Supporto agli investimenti;
- Nutrizione;
- Acquisti per il Progresso (Purchase for Progress, P4P)/Acquisti dagli Africani per l’Africa;
- Occupazione rurale giovanile e migrazioni;
- Protezione sociale;
- Piattaforma per l’Agricoltura Tropicale;
- Responso Umanitario;
- Alleanza Globale per il Bestiame;
- Inter-agency Standing Committee.

Infine, le tre agenzie sono impegnate nella fornitura comune di servizi aziendali, come ad esempio sicurezza delle sedi, responsabilità ambientale, procedure e tariffe di viaggio, processi di governance, servizi di tesoreria, etc.

Per una trattazione più dettagliata dei singoli progetti in corso, si rimanda al sito congiunto FAO, PAM, IFAD di recente pubblicazione, raggiungibile al link https://zerohunger.world/web/guest/home.


287